Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | Via alla formazione dei navigator campani, Catalfo: “Reddito ai camorristi? Esistono i controlli”

"Quando ci sono delle persone che approfittano di queste misure, buone e giuste per i cittadini italiani, allora quelle persone si devono vergognare"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Oggi inizia il percorso dei navigator campani che fanno parte della fase due del reddito di cittadinanza, una fase di accompagnamento all’inserimento lavorativo per i beneficiari. Fa parte del grande investimento per le politiche attive del lavoro che noi abbiamo messo in atto con la soluzione del navigator e con nuovi operatori per i centri dell’impiego. Saranno 11600 fino al 2021″. Così la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, aprendo la giornata di formazione per i navigator della Campania nella Stazione marittima di Napoli.

Si tratta del percorso analogo compiuto dai navigator di Cagliari, Palermo e Roma. Al kick-off partecipano gli oltre 400 navigator che hanno appena firmato il contratto con Anpal Servizi dopo un braccio di ferro durato diversi mesi con la Regione Campania.

Ai nuovi navigator, la ministra ha augurato di far parte “di un grande progetto che rappresenta parte della rivoluzione per le politiche attive del lavoro in Italia. I beneficiari di reddito – ha sottolineato – hanno un percorso da fare che è il Patto per il lavoro e il Patto per l’inclusione, senza dimenticare il Patto per la formazione. Bisogna rendere le persone abili e occupabili per permettergli di entrare o rientrare nel mondo del lavoro”. 

CATALFO: “IL REDDITO DI CITTADINANZA HA AIUTATO 1 MILIONE DI FAMIGLIE IN ITALIA”

“Quando ci sono delle persone che approfittano di queste misure, che sono buone e giuste per i cittadini italiani, allora quelle persone si devono vergognare. A quelle persone non deve essere dato, ed è per questo che esistono i controlli”. Risponde così la ministra ai giornalisti che le hanno chiesto di rispondere alle accuse lanciate dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, secondo cui al Sud parte del reddito finisce nelle mani di “manovalanza della camorra“.

Il Reddito di cittadinanza è una misura che ha coperto e aiutato 1 milione di famiglie in Italia e 600mila bambini. Ha ridotto la povertà in modo importante – ha ricordato Catalfo – e ha inciso sulle disuguaglianze. E’ chiaro che se c’è una misura che funziona e aiuta la gente, i nostri cittadini italiani, è giusto che venga messa in atto”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»