Manovra, Boccia: “Conte esiga che i vicepremier rinuncino a 4 miliardi o si dimetta”

Parole di Vincenzo Boccia, presidente nazionale di Confindustria oggi al convegno “Infrastrutture per lo sviluppo. Tav, l’Italia in Europa”.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Condividi l’articolo:

ROMA – Considerando che con appena “quattro miliardi evitiamo la procedura di infrazione europea, direi a Conte di chiamare i suoi due vicepremier e direi loro di togliere due miliardi a testa. Se uno dei due non vuole arretrare, mi dimetterei e denuncerei all’opinione pubblica chi si rifiuta”.

Parole di Vincenzo Boccia, presidente nazionale di Confindustria oggi al convegno “Infrastrutture per lo sviluppo. Tav, l’Italia in Europa” in corso a Torino, dove 12 associazioni del mondo economico-produttivo sono riunite per siglare un manifesto comune per chiedere al governo il rilancio delle infrastrutture, a partire dalla Tav, la linea ferroviaria d’alta velocità Torino-Lione.

I CONSIGLI AI VICEPREMIER

Boccia offre due consigli, uno a ciascun vicepremier: “A Di Maio voglio promettere che se ci convoca tutti e 12 non lo contaminiamo e a Salvini, visto che è leader di un partito che ha tanto voti al nord, consiglio di occuparsi e di preoccuparsi dello spread”. Boccia chiude il convegno torinese evidenziando che con il manifesto siglato questa sera “la stagione degli alibi è finita oggi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»