Isis, Pinotti: “Non è vero che facciamo meno degli altri”

"Quello italiano anti Daesh è il secondo contingente fra tutti i paesi che partecipano, secondo soltanto agli Stati Uniti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non si può dire che l’Italia faccia meno degli altri” nella lotta al Daesh. Lo dice il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, a margine della firma di un protocollo sanitario con le regioni Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia.

“Il terrorismo internazionale e la sfida lanciata al mondo civile dal Daesh sono delle questioni sulle quali bisogna intervenire con una strategia e non sull’onda degli ultimi avvenimenti. Non si può dire che l’Italia faccia meno degli altri- sottolinea- noi siamo intervenuti prima e già adesso abbiamo un decreto missioni che abbiamo elaborato a settembre, prima che ci fossero gli attentati di Parigi“.

Pinotti ricorda che è stato aumentato “di un terzo il contingente in Iraq. Ad oggi, quello italiano anti Daesh è il secondo contingente fra tutti i paesi che partecipano, secondo soltanto agli Stati Uniti. Questo credo dia la misura della presenza italiana”, conclude.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»