Proposta una commissione d’inchiesta su connessioni tra morti Pasolini, Enrico Mattei e Mauro De Mauro

La proposta di legge è sostenuta da oltre 10.000 cittadini che hanno firmato la petizione lanciata su change.org dal legale del cugino di Pasolini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Paolo Bolognesi (Pd), presidente dell’Associazione 2 agosto 1980 e Serena Pellegrino (SI) hanno presentato una proposta di legge per l’istituzione di una Commissione d’inchiesta parlamentare monocamerale che indaghi sull’omicidio di Pier Paolo Pasolini. Oltre ad appurare la dinamica e il movente del delitto, l’inchiesta dovrà approfondire le possibili connessioni tra l’omicidio di Pasolini e quelli di Enrico Mattei e Mauro De Mauro, verificare le eventuali implicazioni della Loggia P2, di “apparati, strutture o organizzazioni” “comunque denominati” e “ analizzare le modalità di azione delle amministrazioni dello Stato”.

pasolini

Sottoscritta da sessantuno deputati, la proposta di legge è sostenuta da oltre 10.000 cittadini che hanno firmato la petizione lanciata su change.org dal legale del cugino di Pasolini, Stefano Maccioni e da numerosi esponenti della cultura – come Dario Fo e Dacia Maraini – perché sia approvata dall’Aula in tempi celeri. “Ci auguriamo- ha commentato Bolognesi in una nota- che il Parlamento e il presidente della Commissione Affari Costituzionali della Camera, accolgano la forte richiesta della società civile di indagare sull’omicidio Pasolini compiendo così un atto doveroso di verità e giustizia che sarebbe incomprensibile negare”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»