hamburger menu

Slitta di 12 ore la riapertura del tunnel del Monte Bianco: la soletta è più rovinata del previsto

Il traforo del Monte Bianco è chiuso da due settimane e il cantiere per riasfaltarlo durerà 12 ore in più perché la soletta è danneggiata dall'acqua

Pubblicato:03-11-2022 12:38
Ultimo aggiornamento:03-11-2022 16:08
Canale: Valle d'Aosta
Autore:
L'imbocco italiano del tunnel del Monte Bianco
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

COURMAYEUR (AOSTA)- La riapertura del traforo del Monte Bianco slitterà di almeno 12 ore. La superficie della soletta del tunnel internazionale che collega Italia e Francia attraverso la Valle d’Aosta e l’Alta Savoia, in alcuni tratti, è in condizioni peggiori del previsto. Per questo, servono più interventi rispetto a quanto pianificato. La riapertura era prevista lunedì 7 novembre alle 10; è riprogrammata ora alle 22. I lavori per la riasfaltatura del tunnel in tutta la sua lunghezza di 11.600 metri procedono “senza sosta” da lunedì 17 ottobre. Il Geie del tunnel, il Gruppo europeo di interesse economico che lo gestisce, spiega che il rinvio “è necessario per consentire alle squadre impegnate su questo grande cantiere di completare i lavori nelle migliori condizioni rispondendo ai requisiti di sicurezza fissati”.

È IL CANTIERE PIÙ GRANDE DALLA RIAPERTURA NEL 2002

Nel cantiere, che avanza progressivamente e senza interruzioni, sono impegnate 150 persone, che lavorano sette giorni su sette, 24 ore su 24 incluse le domeniche e i giorni festivi. “A oggi, le attività svolte dalle maestranze impegnate nei lavori sono” state la “fresatura completa del manto stradale della galleria e delle 36 piazzole di sosta di emergenza; la pulizia dell’impalcato fresato; l’indagine dettagliata su tutta la lunghezza della galleria per escludere la presenza di fibre di amianto. Il Geie ricorda che questo “è il maggior cantiere di manutenzione della galleria dal 2002“, quando il traforo riaprì dopo il rogo del 1999, e rappresenta un investimento di 20 milioni di euro“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-11-03T16:08:00+01:00