Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Meloni vede Draghi: “Ecco le nostre proposte al Governo”

giorgia meloni mario draghi
Colloquio tra il premier e la leader di FdI, che annuncia proposte comuni della coalizione di centrodestra in materia economica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Abbiamo portato al presidente del Consiglio alcune nostre rivendicazioni e proposte, oggi sulla manovra, partendo dal tema delle tasse su cui Fratelli d’Italia rivendica che gli 8 miliardi investiti dal Governo vadano interamente sul lavoro e sul taglio del cuneo contributivo, chiaramente da dividersi tra aziende e lavoratori, possibilmente con priorità a giovani e donne”. Così la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, al termine di un colloquio con il premier Mario Draghi.

“METTERE PALETTI SUL REDDITO DI CITTADINANZA”

Fdi è sempre stata contraria al reddito di cittadinanza. Riteniamo necessario che almeno si possano mettere dei paletti. Circa 50 milioni di euro sono finiti nelle tasche di chi non ne aveva diritto, i controlli vanno fatti ex ante e quei soldi devono andare ai più sfortunati, come chi ad oggi percepisce pensioni di invalidità decisamente basse”, aggiunge Meloni.

LEGGI ANCHE: Reddito di cittadinanza, torna a infiammarsi lo scontro politico. E tutti promettono modifiche

“CONTRASTARE LE PENSIONI D’ORO”

La presidente di Fratelli d’Italia ha una proposta anche sul tema delle pensioni: “Vanno combattute alcune ingiustizie del sistema pensionistico. In particolare le pensioni d’oro. Quest’anno scadrà il contributo che è stato chiesto ai pensionati molto più fortunati di chi va in pensione oggi o di chi ci andrà in futuro. Chiediamo che si reintroduca tale contributo“.

“PROPROGA EMERGENZA SIGNIFICHEREBBE CHE IL GREEN PASS NON FUNZIONA”

Meloni spiega che con il presidente del Consiglio è stato affrontato anche il tema del Covid-19: “Col premier Draghi abbiamo parlato di pandemia, della ipotesi di proroga dello stato di emergenza. L’Italia è la nazione che ha usato in assoluto il Green pass in modo più invasivo possibile. Fino a ieri il Governo ci ha detto che con questo saremmo stati liberi, e poi non può dirci che si proroga lo stato di emergenza. Delle due l’una, o il green pass funziona e allora non c’è bisogno di prorogare lo stato di emergenza o bisogna prorogarlo e allora il Green pass non funziona, e qualcuno forse deve rivedere anche questa scelta”. La presidente di Fdi aggiunge comunque che “sullo stato di emergenza il premier ha detto di non aver ancora deciso, di volere vedere qual è l’andamento della stagione più fredda. Se dovesse prorogarlo però il Governo dovrebbe anche ammettere che la misura del green pass non era efficace”.

“A BREVE PROPOSTE COMUNI DEL CENTRODESTRA SULLA MANOVRA”

“In vista della manovra avevamo parlato con gli alleati di centrodestra dell’iniziativa comune con le proposte della coalizione, quindi credo che a breve ci sarà questa iniziativa. Sarà un’altra dimostrazione della compattezza del centrodestra, in particolare sulle materie di natura economica”, annuncia Meloni. Che, riguardo alle parole del ministro Giancarlo Giorgetti sull’ipotesi che Draghi possa guidare il Governo dal Colle, spiega: “Ribadisco che Fratelli d’Italia è un partito presidenzialista. E la più grande riforma che si possa fare in Italia è quella presidenziale. Per farla però – dopo la riforma costituzionale – il presidente deve essere eletto dai cittadini. L’idea di un presidenzialismo de facto, imposto dall’alto, a me non convince”, conclude la presidente di FdI.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»