Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 3 novembre 2021

I titoli e il tg politico parlamentare della Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

LEGA NEL CAOS, GIORGETTI E SALVINI AI FERRI CORTI

Una grande assemblea programmatica, da convocare a Roma entro la fine dell’anno. Matteo Salvini prova a far uscire la Lega dal pantano delle ultime settimane. Al consiglio federale del partito, in programma domani pomeriggio nella Capitale, il segretario del Carroccio proporrà un confronto ampio, da tenere a breve. Salvini, punto dalle critiche di Giorgetti che sogna Draghi al Quirinale, vorrebbe coinvolgere tutti i rappresentanti del partito: sindaci, governatori, parlamentari, eurodeputati, membri del governo. Intanto, però, è il ministro dello Sviluppo economico ad allargare il suo campo d’influenza. In tanti hanno apprezzato le sue critiche a Salvini, che ha definito “un incompiuto”. E ieri sera, in un ristorante di Roma, non è passata inosservata la cena a due tra Giorgetti e Luigi Di Maio.

REDDITO, CINQUEMILA TRUFFE DA 20 MILIONI DI EURO

Sono quasi cinquemila i ‘furbetti’ del reddito di cittadinanza scoperti dai Carabinieri nell’ambito dei controlli realizzati da maggio a ottobre nel Sud Italia. Si tratta di un numero di persone che percepiva l’assegno pur non avendone i requisiti. Tra questi, chi possedeva una Ferrari, chi la barca, chi numerosi appartamenti e chi, addirittura, dichiarava di avere figli mai esistiti. In tutto sono circa 20 i milioni di euro indebitamente percepiti emersi da questa indagine, che portano il numero complessivo nel 2021 a 40. Luigi Di Maio e Giuseppe Conte condannano i truffatori, ma continuano a difendere la misura. “E’ uno strumento irrinunciabile”, ribadisce l’ex premier. Matteo Salvini e Giorgia Meloni, invece, vanno all’attacco. “Una misura insensata- dice la presidente di Fratelli d’Italia- va abolita”.

LAVORO, MEZZO MILIONE DI OCCUPATI IN PIÙ DA GENNAIO

Buone notizie dal mercato del lavoro anche se resta alta la disoccupazione giovanile. L’Istat registra a settembre un saldo positivo di poco più di 500mila occupati, rispetto a gennaio, che è dovuto alla ripresa del lavoro dipendente che cresce di circa 520mila. Rispetto ai livelli pre-pandemia il numero di occupati è comunque inferiore di oltre 300mila. Il tasso di disoccupazione complessivo cala al 9,2% ma cresce tra i giovani di 1,8 punti toccando quota 29,8%. Per la responsabile Lavoro del Pd Chiara Gribaudo i dati dicono che “stiamo recuperando i posti di lavoro perduti durante la pandemia, ma la strada da fare è ancora lunga”. Per la deputata “non potrà esserci vera ripresa se non favoriremo l’occupazione di qualità”.

MALATTIE RARE, SENATO APPROVA TESTO UNICO: È LEGGE

Approvata oggi in Senato la legge sulle malattie rare. Un traguardo raggiunto dopo oltre tre anni di lavori e che, spiega la presidente della commissione Sanità di Palazzo Madama Annamaria Parente, darà “un aiuto concreto ai pazienti e alle loro famiglie”. La norma prevede infatti l’istituzione di un Comitato nazionale per le malattie rare, un Fondo di solidarietà per le persone colpite e incentivi fiscali a chi è impegnato nella ricerca e nella produzione dei farmaci orfani, quelli appunto necessari per le cure. Previsto anche l’aggiornamento dell’elenco delle malattie e il potenziamento degli screening. Esultano le associazioni di pazienti, mentre per l’Osservatorio malattie rare “sono state poste le fondamenta di un cambiamento”. “Il servizio sanitario nazionale- commenta il ministro della Salute Roberto Speranza- deve prendersi cura di tutti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»