Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Influencer senza filtri sui social, Taylor Mega e Giulia Salemi raccolgono la sfida #nofiltersulserio de Le Iene

no_filter_le_iene
Nel servizio andato in onda ieri sera anche Aurora Bruto e Francesco Chiofalo, Luca Marchesi e Sarah Altobello
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Da giugno 2021 in Norvegia una legge obbliga a dichiarare se nelle foto pubblicate sui social (ma anche su cartelloni pubblicitari, riviste etc) vengono applicati dei filtri o meno. Questo per mettere fine alla diffusione di standard di bellezza inarrivabili, che, stando a recenti studi, sono tra le cause di diffusione negli adolescenti e giovani-adulti di forme di depressione. In Italia questa norma non esiste e sui social è gara a chi posta scatti sempre più belli. In questo contesto si inserisce la sfida lanciata dal programma tv ‘Le Iene‘ ai vip nostrani a pubblicare foto senza filtri, per squarciare il mondo patinato dei social a colpi di imperfezioni. A raccogliere la challenge nel servizio andato in onda ieri sera tanti influencer, tra cui Taylor Mega e Giulia Salemi, Aurora Baruto e Francesco Chiofalo, Luca Marchesi e Sarah Altobello.

Ora la gara si sposta sui social dove Nicolò De Devitiis (su instagram @divanoletto), ha invitato gli influencer italiani a pubblicare foto senza ritocchi accompagnate dall’hastagh #nofiltersulserio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»