Buschini in lacrime ricorda il portavoce Bartoloni: “Non doveva accadere”

Giovanni Bartoloni è scomparso a causa del Covid lo scorso 25 ottobre
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Stai tranquillo Giovanni, non sto per dedicarti un minuto di silenzio, so che non li ami particolarmente”. E’ cominciato così, prima dell’inizio della seduta del Consiglio regionale del Lazio, il messaggio commosso di ricordo di Giovanni Bartoloni (colpito dal Covid 19 e scomparso il 25 ottobre scorso) da parte del presidente dell’Aula, Mauro Buschini, di cui Bartoloni era portavoce.

“E’ giusto che il Consiglio regionale ti rivolga un pensiero, dopo che lo hanno fatto i tuoi colleghi, gli organi di stampa, i due rami del Parlamento italiano e tante altre istituzioni, a partire da quelle che hanno avuto la fortuna di averti come collaboratore. Tutti hanno utilizzato parole straordinarie, sentite, non formali, ricche di dolore, partecipazione, stupore e rabbia- ha detto Buschini in lacrime- Perché non doveva accadere, a te come a migliaia di donne e uomini di ogni età che stanno perdendo la vita a causa di questo maledetto virus. Non è bastata tua prudenza, la tua saggezza, il tuo rispetto per le regole e i protocolli che hai cercato di trasmettere a tutti noi fino all’ultimo istante”.

“Ci manchi già amico mio e ci mancherai sempre di più. Le risate, i tuoi consigli, il tuo equilibrio, la tua disponibilità verso tutti, il tuo essere buono e simpatico– ha continuato Buschini- Adesso sarà difficile fare a meno delle nostre riflessioni infinite sui fatti, delle interpretazioni, dei pranzi cucinati da mamma, del caffè della mattina, dei commenti sulle partite della Juve”.

Il presidente del Consiglio regionale, tra i tanti messaggi di cordoglio che sono arrivati alla Pisana, ha voluto leggere quello della giovane Maddalena, “una studentessa che sta organizzando il giornale della propria scuola e che avevamo incontrato due giorni prima della scoperta della tua positività: ‘Buona sera presidente, sono rimasta sconcertata dalla scomparsa del dottor Bartoloni, che si era dimostrato gentile e disponibile con un’adolescente dimostrando un animo nobile'”.

“Tutto questo e molto altro era Giovanni Bartoloni. Alla sua famiglia la nostra vicinanza, il nostro abbraccio a sua moglie Marta e al piccolo Paoletto al quale voglio dire che il suo papà è stato grande e se esiste, come credo che esista, un luogo oltre la vita eterna, il tuo papà ti guarda dal paradiso– ha concluso Buschini- A te Giovanni e a tutti coloro che non ce l’hanno fatta il nostro pensiero e il nostro abbraccio”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»