Scoperto canile-lager nell’Oasi del Simeto a Catania

Molti dei cani erano rinchiusi in piccoli sgabuzzini e totalmente al buio, mentre altri, tra cui anche dei cuccioli, vivevano in recinti fatiscenti e colmi di sporcizia ed escrementi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO –  Un canile abusivo con quaranta cani di varie taglie è stato scoperto dalla polizia in un terreno del Comune di Catania occupato a sua volta abusivamente. L’area ricade all’interno dell’Oasi del Simeto, in cui sono intervenuti gli agenti del commissariato Librino. Sul terreno erano state costruite opere edili illegali e il canile. Molti dei cani erano rinchiusi in piccoli sgabuzzini e totalmente al buio, mentre altri, tra cui anche dei cuccioli, vivevano in recinti fatiscenti e colmi di sporcizia ed escrementi.

La polizia, giunta sul posto, ha trovato in casa due bambini che erano stati lasciati soli dai genitori, un 43enne e una 33enne, che in seguito sono stati denunciati per diversi reati: dalla “detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura” all’abbandono di minori. Tra le accuse anche il furto di energia elettrica, l’abuso edilizio e la minaccia a pubblico ufficiale, dal momento che al loro arrivo hanno iniziato a minacciare gli agenti per impedire loro di aprire la porta di casa.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»