fbpx

Tg Ambiente, edizione del 3 novembre 2020

– COSTA: DDL TERRA MIA ‘MANETTARO’? SOLO PER CRIMINALI

Il disegno di legge ‘Terra mia’ “è stato definito, nei corridoi della politica, una legge ‘manettara’” ma “non lo è affatto. E chi lo pensa, non ha studiato il testo”. Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa, dalle colonne dell’Huffington post difende così il suo ‘provvedimento bandiera’ che sta incontrando inaspettate difficoltà nel suo iter. ‘Terra mia’, spiega, “è una legge che tutela in primis gli imprenditori che subiscono la concorrenza sleale e criminosa di chi attenta all’ambiente e alla salute, come chi interra i rifiuti, avvelena le falde acquifere, immette fumi e polveri fuorilegge in atmosfera, usando scappatoie che fino ad oggi possono essere facili. E che con ‘Terra mia’ non lo saranno più”. Nessuna logica ‘manettara’, infatti “l’azienda che dovesse ‘inciampare’ in un’azione inquinante” può “ravvedersi”, rassicura Costa, “è una legge che spaventa le aziende? Spaventerà solo quelle criminali, quelle che continuano a delinquere”, chiosa il ministro.

– ANTARTIDE, AL VIA 36MA SPEDIZIONE ITALIA MUR-ENEA-CNR

Con l’apertura della base italiana ‘Mario Zucchelli’ è iniziata la 36ma Spedizione italiana in Antartide, finanziata dal ministero dell’Università e Ricerca nell’ambito del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide, gestita dall’ENEA per la pianificazione e l’organizzazione logistica e dal CNR per la programmazione e il coordinamento scientifico. Inevitabili le forti limitazioni delle attività scientifiche e logistiche a causa della pandemia da CoViD in atto, personale ridotto al minimo indispensabile per poter aprire e mantenere le stazioni in sicurezza e consentire la manutenzione della strumentazione scientifica. Per mantenere l’Antartide unico continente CoViD free è stata stabilita una quarantena rigida di almeno 14 giorni per tutto il personale da effettuarsi prima di raggiungere le stazioni ‘Mario Zucchelli’ e ‘Concordia’ e la nave da ricerca ‘Laura Bassi’. La campagna estiva durerà 3 mesi.

– CLIMA, VIDEO DEI MASSIVE ATTACK: RIFLETTERE E CAMBIARE

I Massive Attack pubblicano un nuovo video sul cambiamento climatico. “Nello scempio che la pandemia porta nelle nostre vite c’è l’opportunità, in questa pausa forzata, di riflettere e cambiare”, dice 3D, alias Robert Del Naja, figlio di un emigrante napoletano, leader della seminale band di Bristol. “Ci siamo resi conto che il nostro settore non avrebbe potuto o non avrebbe voluto muoversi abbastanza velocemente perché la musica dal vivo potesse fare la sua parte in un rapido processo di decarbonizzazione- spiega 3D- quindi abbiamo deciso di progettare quel cambiamento, per mettere insieme le nostre identità e le circostanze, operare una pressione e dimostrare che è possibile”. Il filmato – che avrebbe dovuto debuttare in un concerto speciale – è stato realizzato in collaborazione con il Tyndall Center for Climate Change Research, che i Massive attack hanno scelto per una serie di ricerche sui mutamenti climatici e l’impatto delle attività umane, musica e concerti compresi.

– GIAPPONE, ESERCITAZIONE PER PREPARARSI A TERREMOTO

Mega esercitazione in Giappone, nelle aree di Tokyo e di altre otto prefetture limitrofe, per prepararsi a un possibile scenario di reazione alle catastrofi naturali che spesso investono il Paese. L’esercitazione, a cui ha preso parte anche il primo ministro Yoshihide Suga, ha simulato un potente terremoto con epicentro sotto l’area metropolitana della capitale di magnitudo 7.3, il secondo livello più grande nella scala di intensità sismica giapponese. “Riuscire a combinare aiuto reciproco tra cittadini e aiuto pubblico è importante per superare i disastri. Il governo prenderà tutte le misure possibili per proteggere la vita e le risorse delle persone”, ha dichiarato il primo ministro nel corso della cerimonia di chiusura delle esercitazioni.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

3 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»