Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La figlia di Proietti: “Il dolore è forte, il lutto è di tutti”

"Papà ha vissuto per il suo pubblico e il vostro affetto lo dimostra. Grazie e ancora grazie per tutto questo amore", scrive sui social
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ho pensato tanto a questo momento, l’ho sognato, ne sono stata terrorizzata“. Si apre così il lungo post sui social con cui Carlotta Proietti, figlia di Gigi, scomparso a 80 anni a causa di problemi cardiaci, ringrazia quanti hanno voluto mandare un messaggio di affetto per il papà.

LEGGI ANCHE: Roma saluta Proietti: applausi dai balconi e la sua foto sul Campidoglio e sul Colosseo

“Un papà famoso vuol dire tante cose- scrive Carlotta, pure lei artista- tra queste non avere un’intimità perché quando esce la ‘notizia’ si scatena lo ‘scoop’… tutte parole che col momento che vivi non c’entrano niente. Malgrado questo però, le vostre parole e tutti i messaggi che ci stanno arrivando corrispondono all’amore che tutti provavate per papà“. 

LEGGI ANCHE: FOTO | VIDEO | Fiori e biglietti per Gigi Proietti: “Sta mandrakata non ce la dovevi fa”

I ringraziamenti: “Voglio dire grazie con tutto il cuore ad ognuno di voi e lo farò, piano piano- conclude- Il dolore è forte, ma sappiamo che non è solo nostro, questo lutto è di tutti. Papà ha vissuto per il suo pubblico e il vostro affetto lo dimostra. Grazie e ancora grazie per tutto questo amore”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»