Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Plastic tax, Bernini: “Per l’Emilia-Romagna è una sciagura”

Il centrodestra all'attacco della tassa sulla plastica: per Bernini sarà "un colpo durissimo per la regione-traino dell’economia italiana. Per Fiorini "è come il terremoto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Con la marea di tasse presenti nella manovra economica il governo, con la complicità determinante del Pd, dà un colpo durissimo al cuore produttivo dell’Emilia Romagna, costretta a pagare un prezzo altissimo a causa delle scelte demagogiche della maggioranza. La tassa sulle auto aziendali è già di per sé una follia, ma la plastic-tax avrà conseguenze ancora più disastrose: l’Emilia Romagna è infatti il principale distretto dell’imballaggio in Italia, e subirà una ferita insanabile al suo tessuto imprenditoriale, composto da 228 imprese con quasi 17mila occupati”. Lo dichiara Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia.

Auto aziendali e plastica, l’Emilia-Romagna e la ‘batosta’ della manovra

“Voglio dare un avviso ai naviganti delle poltrone del potere: l’Italia è leader mondiale del packaging, e le aziende migliori si trovano proprio sulla via Emilia, producendo oltre tre miliardi di fatturato all’anno, ossia il 60% dell’industria nazionale delle macchine automatiche. E’ uno degli hub più importanti d’Europa per la costruzione di macchinari che impacchettano i prodotti merceologici più diffusi, un’isola felice che ha saputo fronteggiare la crisi mantenendo livelli di occupazione ed export ai massimi livelli, tanto da superare anche la concorrenza tedesca e cinese. La plastic-tax è dunque una sciagura annunciata per una regione-traino dell’economia italiana, che rischia di essere travolta dall’irresponsabilità del governo giallorosso”, conclude.

Regionali Emilia-Romagna, Bonaccini: “Ho fiducia che il governo modificherà la plastic tax”

FIORINI: PER L’EMILIA PLASTIC TAX È COME IL TERREMOTO

“Questa manovra del governo giallorosso, assurda e disastrosa per le nostre aziende, rievoca gli scenari prodotti dal terremoto del 2012 sul distretto biomedicale di Mirandola e non solo. Oggi Pd e 5s sono la scossa che fa tremare di nuovo un intero sistema economico. La plastic tax è una tassa sbagliata che colpisce un settore di eccellenza italiana. Nella nostra regione, l’Emilia Romagna, le aziende realizzano il 40% della produzione europea di imballaggi. Nascondono nuove tasse dietro un finto ambientalismo e a pagare come sempre sono sempre gli italiani e le nostre imprese”. Così, in una nota, la deputata di Forza Italia Benedetta Fiorini.

“Il governo giallorosso- aggiunge- dimostra una scarsa conoscenza del territorio e la volontà autolesionista di chi sa che sta per perdere. È davvero giunto il momento di mandare a casa chi ha governato fino ad ora questo territorio. Con quale coraggio il Pd silura le nostre imprese e le nostre eccellenze? Il terremoto del 2012 non ha insegnato nulla? Bonaccini e Delrio non sono ascoltati neppure nel loro stesso partito. Quello che, per merito della caparbietà delle nostre imprese e dei nostri cittadini, non ha causato l’emergenza sismica lo realizzerà in un istante il governo giallorosso: con la plastic-tax si metterà in ginocchio tutto il distretto biomedicale e non solo, causando anche la fuga delle multinazionali e la inevitabile crisi di tutto il comparto: un vero disastro! Noi ci batteremo affinché tutto ciò non accada e quando finalmente l’Emilia Romagna avrà un nuovo presidente, Lucia Borgonzoni, faremo volare le nostre aziende e il nostro Made in italy. Il centrodestra unito è l’unica coalizione seria e capace di governare”, conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»