Siri (Lega): “Il reddito di cittadinanza alle aziende che fanno formazione, non ai beneficiari”

Le parole del sottosegretario leghista al Mise aprono una nuova spaccatura nel governo gialloverde
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ho proposto che la dotazione anziché andare direttamente ai vari beneficiari vada a imprese e aziende che si facciano carico di formarle”. Lo dice il sottosegretario al Mise Armando Siri (Lega) in un’intervista al Giornale Radio Uno Rai, riferendosi al reddito di cittadinanza.

LEGGI ANCHE:

La riforma della prescrizione spacca il governo: scontro tra Bonafede e Bongiorno

Di Maio avverte la Lega: “Il contratto di governo va rispettato da entrambe le parti”

Reddito di Cittadinanza, tensione tra Conte, Di Maio e Giorgetti

GELMINI: DOPO GIORGETTI LO AZZOPPA ANCHE SIRI

“Dopo Giorgetti anche Siri azzoppa il reddito di cittadinanza targato @Mov5Stelle. Finalmente la @LegaSalvini si sta rendendo conto dei danni che farebbe al Paese una misura contro chi lavora e contro chi produce. Facciamo investimenti, non assistenzialismo”. Lo scrive su Twitter Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»