Martedì il confronto in tv: Di Maio sfida Renzi, Salvini si imbuca, Berlusconi ci pensa

Salvini chiede di partecipare al confronto tra Di Maio e Renzi. Il segretario dem risponde: 'Se vuole, venga anche Berlusconi'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Più un tutti contro tutti che un confronto. Sta prendendo vita e si allarga la sfida lanciata su twitter dal candidato premier del M5S Luigi Di Maio al segretario dem Matteo Renzi.

Il primo ospite- non invitato- è il leader della Lega Matteo Salvini. “Vorrei confrontarmi con Renzi e Di Maio, visto che pare che la partita sarà a tre”, ha detto il segretario del Carroccio. “E’ giusto che gli italiani sappiano chi ambisce a governare che idee di futuro ha sulle tasse, sulla scuola”.

Immediata, la risposta del segretario dem. “Quando avranno deciso chi è il loro front runner sono pronto ad accettare il dibattito anche con Matteo Salvini e Silvio Berlusconi. Ci facciano sapere chi viene dei due e organizziamo. E se non si trovano d’accordo, e vogliono venire tutti e due, io sono disponibile anche ad un confronto a quattro“.

IL NODO DELLA SCELTA DELLA RETE PER IL CONFRONTO

Porta a Porta, #CartaBianca e DiMartedì. Sono queste le trasmissioni che si sono candidate ad ospitare il confronto. Ora, sarà agli uffici stampa dei candidati raggiungere un accordo, anche se la trasmissione di Floris su La7 sembra favorita.

Il confronto sarà martedì sera, in prima serata“, comunica ai suoi Matteo Renzi nella sua ENews. “Noi preferiamo la Rai che è la Tv di tutti e che ha perfino messo a disposizione la prima serata di Rai1. A me va bene anche Floris, se questa è la condizione di Di Maio per accettare un dibattito che peraltro lui stesso ha lanciato. Comunque vada il Movimento Cinque Stelle potrebbe governare il nostro Paese ed è giusto che i cittadini vedano – anche plasticamente – le differenze”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»