Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Referendum, Salvini: “Il no licenzia Renzi, il giorno dopo al voto”

"Non credo a governi tecnici, di unità nazionale o altro. Per me il giorno dopo si deve andare a votare", dice Matteo Salvini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

salvini

ROMA – Se vince il no “sicuramente salta il governo“. Lo dice Matteo Salvini, in conferenza stampa alla Camera, che spiega: “Con il no Renzi viene licenziato, proverà a comprarsi qualche altro parlamentare per sopravvivere ma non ci riuscirà. Non credo a governi tecnici, di unità nazionale o altro. Per me il giorno dopo si deve andare a votare”, conclude.

E ancora: Matteo Renzi è “un cazzaro che ha un mese di vita, poi dal 4 dicembre cambia mestiere. Gli lasciamo ancora un mese di barzellette“.

“SE VINCE IL NO VINCE L’ITALIA. E CON IL SI’ NON ARRIVANO I MARZIANI”

“Se vince il no vince l’Italia, vincono le persone perbene. Guarda che bella dichiarazione da statista”, aveva detto Salvini in mattinata a ‘Omnibus’ su La7.  “Se vince il sì non arriveranno i marziani. Avremo una costituzione cambiata in peggio”.

“SE VINCE NO TENTERANNO GRANDE MARMELLATA UNICA”

Se vince il no “ci saranno parlamentari che non vogliono mollare la poltrona e cercheranno di fare la grande marmellata unica a cui la lega non parteciperà. Non credo ai governi di scopo”. Lo dice Matteo Salvini, segretario della lega nord, a ‘Omnibus’ su La7.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»