La Fontana di Trevi torna a splendere dopo 17 mesi di restauro

ROMA - Torna a scorrere l'acqua di uno dei monumenti più belli di Roma, la Fontana di Trevi.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Torna a scorrere l’acqua di uno dei monumenti più belli di Roma, la Fontana di Trevi. Dopo 17 mesi dall’inizio dei lavori di restauro e prima della data inizialmente prevista per fine 2015, infatti, la Fontana è tornata a vivere questo pomeriggio, davanti a migliaia di turisti e romani. Imponente l’operazione di restauro, finanziata da Fendi: “Diciassette mesi di lavoro anziché 20, per una volta siamo in anticipo- ha dichiarato l’amministratore delegato di Fendi, Pietro Beccari, prima dell’inaugurazione- Siamo orgogliosi di questa collaborazione pubblico-privato e di come in tempi record la fontana di Trevi sia oggi restituita nel suo splendore originale ai romani e ai turisti di tutto il mondo”. Costato alla maison Fendi 2 milioni e 180mila euro, il restauro è stato interamente “made in Italy”, con tre ditte italiane impegnate, tecnici della sovrintendenza e un progetto di ripristino tra i più innovativi che ha consentito la fruizione del monumento anche durante i lavori, regalando agli oltre 3 milioni di visitatori uno sguardo unico sulla Fontana. “La fontana è un simbolo di vita, un simbolo di rinascita – ha dichiarato il sovrintendente capitolino Claudio Parisi Presicce – Questo è momento di festa per la città di Roma e per tutti coloro che ci circondano in questo momento”.

di Michele Bollino

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»