Legge di Stabilità, De Biasi: “Un miliardo in più per la sanita’ non basta”

ROMA - "Nonostante nella Legge di stabilita' ci sia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

debiasiROMA – “Nonostante nella Legge di stabilita’ ci sia un miliardo in piu’ per la sanita’, e’ meno di quello che ci aspettavamo ed e’ meno di quello che ci servirebbe. Il miliardo che viene aggiunto, infatti, servira’ per finanziare i Lea e il nomenclatore tariffario. Ma poi c’e’ il tema dei 21 sistemi sanitari regionali differenti, che dovremo cercare di armonizzare”. Cosi’ Emilia Grazia De Biasi, presidente della commissione Igiene e Sanita’ del Senato, rispondendo ai giornalisti in merito al fondo sanitario previsto dalla Legge di stabilita’, a margine della presentazione a Roma del secondo Rapporto sulle reti di assistenza ai Malati Rari.

Ci mancano due elementi– ha proseguito De Biasi- uno e’ il piano vaccini e il secondo, ancora piu’ importante, e’ quello dei farmaci innovativi. Vorrei allora capire chi paghera’ e se i cittadini saranno tutti uguali non davanti all’aspirina, ma davanti al cancro. Credo allora che l’universalismo vada mantenuto, ma che questo tema dei farmaci innovativi e del piano vaccini richieda un surplus di finanziamento”.

Ma come si puo’ ottenere? “Con ulteriori risparmi delle Regioni- ha risposto la presidente della commissione Igiene e Sanita’ del Senato- anche se sono gia’ piuttosto ‘tirate’. Quanto al Governo, proveremo a chiedere un intervento ulteriore finalizzato. I soldi non vanno messi a caso- ha concluso- ma devono essere vincolati a questi temi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»