Incidenti stradali, 9 morti al giorno. In aumento in città: ecco il rapporto Aci-Istat

In aumento la mortalita' stradale all'interno dei centri urbani (+5,4%), dove si concentrano il 75,5% degli incidenti e il 44,5% delle vittime.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

incidente autoROMA – Nove morti al giorno sulle strade italiane a causa di incidenti. E’ quanto emerge dal rapporto Aci-Istat presentato questa mattina. A causa dei 177.031 incidenti (-2,5% rispetto al 2013) ci sono stati 3.381 decessi nel 2014 (-0,6% rispetto al 2013, quando sono stati 3.401) e 251.147 i feriti (258.093 l’anno prima): in media ogni giorno 485 incidenti, 688 feriti e nove morti. In aumento la mortalita’ stradale all’interno dei centri urbani (+5,4%), dove si concentrano il 75,5% degli incidenti e il 44,5% delle vittime. Il costo degli incidenti, sempre nel 2014, e’ di circa 18 miliardi di euro.

Il venerdi’ e’ il giorno della settimana in cui si concentra il maggior numero di incidenti stradali: 27.201, pari al 15,4% del totale. La domenica avvengono, pero’, i sinistri piu’ gravi (3,1 morti ogni 100 incidenti), seguita dal sabato (2,3). Nella fascia oraria notturna (tra le 22 e le 6 del mattino), l’indice e’ piu’ elevato fuori citta’.

Distrazione (21,4%), velocita’ elevata (17,3%) e mancato rispetto della distanza di scurezza non adeguate (13,4%) sono i motivi piu’ frequenti di incidenti su strade extra urbane. In citta’, invece, e’ soprattutto la mancata osservanza di precedenze e semafori a causare incidenti (18,6%), seguita da distrazione (15,4%) e velocita’ (9,2%). E’ quanto emerge dall’ultimo rapporto Aci-Istat sugli incidenti stradali. L’eccesso di velocita’ e’ anche causa della maggior parte delle sanzioni: oltre alle infrazioni legate al mancato possesso di documenti di circolazione e assicurazione o alla sosta vietata, principalmente contestate da Polizia stradale e Polizie locali, nelle prime posizioni si trovano l’eccesso di velocita’, il mancato uso di dispositivi di sicurezza (cinture, casco e sistemi di ritenuta per bambini), ma anche il mancato uso di lenti o l’uso di telefoni cellulari o cuffie.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»