Legge di Stabilita’, la Corte dei conti avverte: “La manovra lascia nodi irrisolti”

ROMA - La scelta di politica economica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Corte dei ContiROMA – La scelta di politica economica del governo “utilizza al massimo gli spazi di flessibilita’ disponibili riducendo esplicitamente i margini di protezione dei conti pubblici e lascia sullo sfondo nodi irrisolti (clausole, contratti pubblici, pensioni) e questioni importanti (quali un definitivo riassetto del sistema di finanziamento delle autonomie territoriali)”. Cosi’ il presidente della Corte dei Conti, Raffaele Squitieri, in audizione sulla legge di Stabilita’ davanti alle commissioni Bilancio di Senato e Camera.

Ad esempio, per quanto riguarda l’abolizione dell’Imu e della Tasi, “va rilevato che fermo il capitolo catasto e nuove rendite, con l’abolizione sulla prima casa la principale fonte di finanziamento manovrabile da parte degli enti riguarda le abitazioni diverse dalla prima casa, su cui continuera’ a vivere il dualismo Tasi-Imu, con la conseguenza che la maggioranza dei servizi indivisibili forniti dai comuni gravera’ di regola su non residenti. Soggetti, quindi, non in grado di operare ‘il controllo politico’ sull’operato degli amministratori attraverso il voto”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»