hamburger menu

Bologna chiama Roma, proposta salva Pd: ticket Bonaccini – Schlein

L'Emilia-Romagna è ormai quasi l'unica regione rossa: e se per rigenerare il Pd si adottasse la sua formula di governo?

Pubblicato:03-10-2022 17:52
Ultimo aggiornamento:03-10-2022 17:52
Canale: Emilia Romagna
Autore:
bonaccini schlein
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Bonaccini e Schlein in ticket. Da Bologna con furore. Adottare la formula di governo dell’ormai quasi unica regione rossa italiana per rigenerare il Pd in crisi. La suggestione prende piede mano a mano che nel partito si allarga il dibattito sul congresso. “È un mio auspicio personale”, spiega Andrea De Maria, deputato Pd, fin dalle prime ore schierato con Bonaccini candidato Segretario. “Elly Schlein sarebbe perfetta per un ticket. Come si è già fatto in Regione Emilia-Romagna. Sarebbe un modo per contribuire davvero dalla nostra terra ad una nuova stagione di rilancio e di rinnovamento del PD e del Centrosinistra”.

LEGGI ANCHE: La chiamata di Enrico Letta per resuscitare il Pd? Risponde Bettini

Una premessa: con il Pd reduce dalla sconfitta e in equilibrio sempre più precario, le forzature da una parte e dall’altra rischiano di essere letali. Stefano Bonaccini attrae l’area dei riformisti, a cominciare dagli ex renziani. La sinistra vede in Elly Schlein l’anti-Meloni. Ma gli uni e gli altri temono che in caso di vittoria dell’avversario, non ci siano più le condizioni per restare nel partito. Troppo di destra quello di Bonaccini, per la sinistra. Troppo di sinistra quello di Schlein, per i riformisti. Sono i famosi ‘veti incrociati’, specialita’ del Pd, che di solito li risolve con l’antico metodo del compromesso.

LEGGI ANCHE: Letta chiama al “Nuovo Pd”: possibile il rientro di bersaniani e renziani

In questo caso, tuttavia, la formula non avrebbe il sapore amaro del ‘tutto cambi perchè nulla cambi’, altra pietanza dem. Bonaccini e Schlein sono due dirigenti che non appartengono alla schiera degli ex dirigenti di Margherita e Ds (Bonaccini lo è stato, ma in seconda fila), e soprattutto sono un coppia di governo collaudata in una regione considerata esempio di buona amministrazione.
Se la proposta prendesse piede, avrebbe inoltre il pregio di non appiattire nessuno dei due candidati sulle anime tradizionali del partito. Bonaccini e Schlein sarebbero indeboliti da una lotta all’ultimo voto tra le due componenti storiche.

L’unica vera coontroindicazione consisterebbe però nel lasciare ‘scoperto’ il vertice amministrativo della regione Emilia Romagna, sulla base di un impegno volontario, in un partito politico peraltro, del numero uno e del numero due del governo locale. Un sacrificio che i pur ‘rossi’ Emiliani potrebbero non gradire.

LEGGI ANCHE: Bonaccini punta alla segreteria del Pd: “Mi candido se utile”. E chiede di riaprire al M5S

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-10-03T17:52:02+01:00