Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Conte: “Abbiamo sterilizzato l’aumento della Iva”. E promette: “Escludo patrimoniale”

"Non era una misura scontata- dice il premier- avrebbe comportato una spesa in più di 542 euro a famiglia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

 CAGLIARI – “Abbiamo sterilizzato completamente le clausole salvaguardia per evitare l’incremento dell’Iva”. Lo dice il premier Giuseppe Conte all’assemblea di Assolombarada al Teatro alla Scala di Milano.

“Qualcuno considera la misura” della sterilizzazione dell’Iva “scontata”, ma non era cosi’, prosegue il premier. L‘eventuale rincaro “avrebbe gravato per 542 euro su ogni famiglia italiana”, dice Conte.

“ESCLUDO QUALSIASI INTRODUZIONE DI UNA PATRIMONIALE”

“Il governo intende rilanciare il settore delle costruzioni ed esclude qualsiasi introduzione di una patrimoniale”, dice ancora Conte.

“CON RIDUZIONE SPREAD TAGLIO TASSE E PIÙ INVESTIMENTI”

“La riduzione dello spread ci permette di risparmiare quasi 18 miliardi da qui al 2022. Li investiremo per l’abbattimento del carico fiscale, la riduzione del cuneo fiscale e investimenti nelle infrastrutture”, dice ancora Conte.

“OGNI EURO SOTTRATTO A EVASIONE DESTINATO A RIDUZIONE TASSE”

“Il principio è chiaro: se tutti paghiamo le tasse tutti pagheremo meno. Questo è il senso del patto economico sociale da stipulare con voi e con tutti i cittadini”, prosegue il premier.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»