Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, Bernaudo: “La rivoluzione è politica fuori da gestione servizi”

E aggiunge: "Ma per i 5 stelle 'pubblico è bello'"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

campidoglioROMA – “Ai romani interessa poco il curriculum dell’assessore al Bilancio, cominciamo a pulire Roma”. Cosi’ l’ex consigliere regionale del Lazio, Andrea Bernaudo, commenta in una nota i nuovi passi della giunta Raggi.

“L’Ama– continua Bernaudo- per la sua natura pubblica, ha dimostrato di non esser in grado di pulire la Capitale. Il M5s ritiene che basti l’onesta’ (ancora tutta da dimostrare) – che invece dovrebbe essere una pre-condizione – per far funzionare e gestire i servizi essenziali di una grande citta’.

Si sbagliano, la politica deve uscire dalla gestione dei servizi e limitarsi alla pianificazione delle priorita’ e all’indirizzo. Questa e’ la vera rivoluzione culturale che garantirebbe un immediato miglioramento della situazione pietosa in cui versa la capitale d’Italia”.

“Una rivoluzione- dice ancora – che il M5s e Virginia Raggi non sembrano essere in grado di fare, perche’ anche per loro ‘pubblico e’ bello’, mentre i fatti hanno dimostrato che la gestione pubblica ha fallito e la cosa pubblica e’ diventata ‘res nullius’, cioe’ terra di nessuno, alla merce’ di predatori e sciacalli. Per restituire dignita’ a Roma- conclude Bernaudo- serve la mano pesante del mercato e la concorrenza tra privati nella gestione dei servizi essenziali”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»