Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Colombia, tutto da rifare: al referendum vince il no all’accordo di pace con le Farc

I contrari alle condizioni dell'accordo raggiunto a L'Avana - su questo era il quesito referendario - hanno prevalso di un soffio: 50,21% a 49,78%
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

colombiaBOGOTA’ – Di sicuro l’uragano Matthews che sta attraversando la Colombia con piogge violente ha contribuito molto all’alta percentuale di astensioni – il 62,57% – sul voto del referendum sugli accordi di pace siglati tra governo e guerriglieri Farc. Certo e’ il dato finale che vede prevalere per un soffio, il 50,21% sul 49,78% per il si’, i contrari non al processo di pace ma a una serie di condizioni contenute nell’accordo raggiunto a L’Avana nei giorni scorsi. Perche’ e’ su questo che il popolo e’ stato chiamato a pronunciarsi: sostenere o meno l’accordo finale per terminare il conflitto. Anche se il risultato per ora e’ stato negativo, il Presidente Santos ha ribadito che si andra’ avanti sul processo di pace tracciato a Cuba.

D’accordo anche il leader delle Farc Rodrigo Londono detto “Timoshenko”, che ha sottolineato nella sua prima reazione dopo l’esito del voto: “Le Forze armate rivoluzionarie della Colombia mantengono la propria volonta’ di pace e ribadiscono di essere disponibili a usare solo la parola come arma di costruzione del futuro”.

IL PAPA IN COLOMBIA SOLO SE ACCORDO DI PACE STABILE

Soddisfatto , per ora, il grande oppositore all’accordo di pace, l’ex Presidente Alvaro Uribe, che ha detto: “E’ una intesa troppo indulgente”. Ora le parti torneranno al tavolo dei negoziati a L’Avana per raggiungere una nuova intesa. Intanto il Papa, parlando con i giornalisti sul volo che lo riportava a Roma dalla sua ultima visita in Georgia e Azerbaijan ha detto che in Colombia si rechera’ solo se il processo di pace riesce e quando tutto sara’ blindato, “Ma se è instabile, no”.

di Silvio Mellara, giornalista

LEGGI ANCHE

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»