Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ungheria, niente quorum al referendum. Ma Orban va avanti

Hanno votato il 43% degli aventi diritto: nel 98 per cento dei casi, i votanti si sono detti contrari alle quote Ue di rifugiati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

orbanROMA – “Ora c’e’ un mandato rafforzato per il governo”: lo ha sostenuto oggi un portavoce dell’esecutivo di Viktor Orban, nonostante al referendum in Ungheria sulle quote Ue di rifugiati da accogliere non sia stato raggiunto il quorum.

“Se fosse stata raggiunta la soglia del 50 per cento il parlamento non avrebbe avuto alternativa” ha detto il responsabile: “Ma anche cosi’ il Parlamento deve rispettare la scelta del governo”. A recarsi ai seggi ieri e’ stato circa il 43 per cento degli aventi diritto. Nella stragrande maggioranza, nel 98 per cento dei casi, i votanti si sono detti contrari alle quote in linea con le indicazioni del governo.

RENZI: BENE MANCATO QUORUM, MA EGOISMI SONO ANCHE ALTROVE

“Il mancato raggiungimento del quorum e’ un fatto positivo dal punto di vista politico. Temo che non cambiera’ niente perche’ gli egoismi europei non sono soltanto in Ungheria. In ogni caso io sono felice del risultato”. Cosi’ Matteo Renzi, a Radio Popolare, a proposito del referendum in Ungheria.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»