Ospedale bombardato in Afghanistan, Gino Strada: “Errore? Come i 19.000 civili uccisi…”

"Il bombardamento di un ospedale é l'evidenza stessa della brutalità della guerra. La guerra non si può umanizzare, si può solo abolire"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le forze della Nato hanno bombardato per errore un ospedale di Medici senza frontiere in Afghanistan. E’ successo a Kunduz: i morti finora sono 16, una trentina i dispersi.

Gino Strada

“Un ospedale è stato bombardato dalle forze Nato in Afghanistan. Per errore, certo, come per errore in questi anni sono stati uccisi più di 19 mila civili”. Interviene così il fondatore di Emergency Gino Strada. Non esistono convenzioni, non esiste diritto umanitario che possa impedire alla guerra di rivelarsi per quello che è: un massacro di civili, donne, bambini, medici e infermieri. Nessuno viene risparmiato. Il bombardamento di un ospedale é l’evidenza stessa della brutalità della guerra. ‘La guerra non si può umanizzare, si può solo abolire'”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»