Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, in Italia le regioni a rischio salgono a 17. Aumentano ricoveri e terapie intensive

ambulanza
I dati del monitoraggio settimanale dell'Istituto superiore di Sanità e del Ministero della Salute
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’indice di trasmissibilità Rt medio, calcolato sui casi sintomatici, è stato pari a 0,97 nei giorni compresi tra l’11 ed il 24 agosto 2021. Il dato, prossimo alla soglia epidemica, è dunque in lieve calo rispetto alla scorsa settimana (1,01) ed emerge dalla bozza del monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore di Sanità e del Ministero della Salute, all’esame della cabina di regia.

Dal monitoraggio emerge inoltre che a livello nazionale l’incidenza settimanale dei casi è pari a 74 per 100mila abitanti (per il periodo 27/08/2021-02/09/2021) rispetto al valore di 77 per 100mila abitanti del periodo 20-26 agosto 2021. Un numero che torna sui valori registrati a metà agosto.

Sul fronte delle Regioni e Province autonome che risultano classificate a ‘rischio moderato’, questa settimana sono 17, dunque 7 in più rispetto alla scorsa settimana. Si tratta di Sicilia, Veneto, Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte e Puglia, oltre alle province autonome di Bolzano e Trento.

LEGGI ANCHE: Draghi: “Estenderemo l’uso del green pass”. E apre a obbligo vaccinale e terza dose

L’unica regione in giallo, da lunedì scorso, è la Sicilia, che presenta ancora indicatori decisionali sopra la soglia: 22,5% in area medica di pazienti Covid (contro la soglia del 15%) e 13,9% in terapia intensiva (contro la soglia del 10%). In diminuzione, invece, l’incidenza di casi per 100mila abitanti: 190,4 contro 200,7. Un’altra isola presenta valori al limite del 15% per l’area medica e terapie intensive sopra il limite con il 13,2%: è la Sardegna, con valori in salita ma incidenza in discesa (117,4 contro 148,5). Rimanenendo al sud, troviamo la Calabria: 16,8% in area medica e sotto limite per intensive (8,9%), in aumento. Bene, invece, Toscana, Umbria e Valle d’Aosta, Regioni a rischio basso.

IN AUMENTO RICOVERI E TERAPIE INTENSIVE

La bozza del monitoraggio evidenzia inoltre il trend di crescita dei ricoveri ospedalieri associati al Covid. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è in aumento al 6% (rilevazione giornaliera del ministero della Salute), con le persone ricoverate che crescono dalle 504 del 24 agosto 2021 alle 544 del 31 agosto 2021. In lieve aumento (7,3%) il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale. In queste aree il numero di persone ricoverate è in crescita: da 4.036 del 24 agosto a 4.252 del 31 agosto. In Italia e in Europa è prevalente la circolazione della variante Delta, che si associa ad una crescita di nuovi casi di infezione anche in altri Paesi che presentano alta copertura vaccinale. Il monitoraggio sottolinea, inoltre, che una maggiore copertura vaccinale, insieme al completamento dei cicli di vaccinazione, costituiscono i principali strumenti di prevenzione di ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus sostenuta da varianti emergenti con maggiore trasmissibilità. Nella bozza del testo si legge infine che è necessario realizzare un capillare tracciamento e contenimento dei casi, mantenere elevata l’attenzione e applicare e rispettare misure e comportamenti per limitare l’ulteriore aumento della circolazione virale.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»