VIDEO | Regionali Campania, Caldoro: “Con De Luca 15 liste, ognuna con un padrino”

Il candidato del centrodestra in Campania Stefano Caldoro interviene alla presentazione di una delle sei formazioni che sostengono la sua candidatura alle regionali
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
NAPOLI – “Abbiamo pensato di semplificare il quadro politico, i cittadini sono scioccati quando vedono 15 liste come quelle di De Luca: ogni sua lista ha un padrino e il primo padrino e’ la Regione che ha dato i soldi, che compra voti e candidati metti in liste sconosciute mai viste prima ne’ in Italia ne’ in Europa”. Dall’hotel Holiday Inn di Napoli il candidato del centrodestra in Campania Stefano Caldoro interviene alla presentazione della lista Caldoro Presidente – Nuovo Psi/Udc, una delle sei formazioni che sostengono la sua candidatura alle regionali. “Tranne Pd e Italia Viva – attacca l’esponente di Forza Italia – le altre liste di De Luca sono nate per interessi dei candidati, delle poltrone e dei trasformisti. Noi abbiamo un’etica e una morale, diciamo ai cittadini che noi siamo questi movimenti politici di centrodestra, uniti, con i tre grandi partiti del centrodestra e le componenti Adc e Udc, la parte socialista e riformista oltre a una lista alla quale tenevo particolarmente che e’ quella per la Macroregione Sud”. Il segretario dell’Udc Lorenzo Cesa punta “alla vittoria di Stefano Caldoro, una persona seria, responsabile e concreta. Noi – ricorda – ci presentiamo con le liste dei partiti che fanno parte del centrodestra nel nostro Paese, mentre con la sinistra ci sono 15 liste legate ai boss locali della politica. La differenza e’ molto semplice e mi auguro che i cittadini riflettano bene su questo aspetto. Speriamo che anche queste elezioni regionali portino a un cambio di passo a livello nazionale”.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»