VIDEO | Da tutto il mondo a Pollica per omaggiare la Dieta Mediterranea

L'evento, organizzato dal Future Food Institute di Sara Roversi, si terrà dal 6 al 12 settembre nel piccolo borgo cilentano che quest'anno celebra i 10 anni della nomina a patrimonio Unesco
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
ROMA – Una settimana di incontri a Pollica, in provincia di Salerno, dal 6 al 12 settembre per parlare di alimentazione sostenibile. E’ l’evento organizzato dal Future Food Institute, il centro di ricerca e formazione che sostiene comunita’ e organizzazioni che facilitano la transizione verso lo sviluppo sostenibile nato nel 2014 a Bologna su iniziativa di Sara Roversi. “L’appuntamento di quest’anno e’ ancora piu’ importante- spiega la presidente Roversi- si inserisce in un percorso iniziato con la Fao tempo fa e che ha l’obiettivo di creare ‘climate shapers’, ovvero ragazzi, docenti, scienziati, innovatori e manager d’impresa uniti per cercare di cambiare qualcosa ognuno nel proprio contesto. L’anno scorso abbiamo fatto tre eventi, quest’anno ne avevamo dieci ma siamo riusciti a tenerne uno a Pollica. Un luogo di estrema importanza perche’ e’ la capitale della dieta mediterranea che quest’anno celebra i 10 anni della nomina a patrimonio Unesco. La dieta mediterranea e’ stata presa da noi come l’esempio cardine della dieta sostenibile, buona per l’uomo e il pianeta”. In questo modo “ci siamo connessi a molti partner dell’ecosistema: aziende come Barilla, start up, ma anche Cnr, Rappresentanze Europea in Italia , Accademia pontifica scienze per la vita, scienziati, storici, filosofi, nutrizionisti, esperti di cucina e gusto di varie parti del mondo e molti interverranno”. Tutto nella cornice del Parco Velia: “Partiremo dai filosofi greci Parmenide e Zenone e arriveremo ai cambiamenti climatici e le relazioni con la salute dell’uomo. Vogliamo portare le nostre conoscenze durante il lockdown agli occhi dei professori di scienza, storia e geografia. Durante la pandemia abbiamo trasformato le cucine in laboratori di scienza, sembra incredibile ma da li’ si possono raccontare tutti i 17 obiettivi dello sviluppo sostenibile”, conclude Roversi.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»