“Attenti ai termometri infrarossi, vanno controllati”

Il presidente dell'Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi: "Subiscono alterazioni dall'ambiente esterno"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Se sono sempre affidabili i termometri digitali a infrarossi? Ovviamente devono essere tarati bene e chi prende la temperatura deve essere a conoscenza delle norme“. Risponde così il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, interpellato dall’agenzia Dire in merito all’affidabilità dei termometri digitali a infrarossi.

“Bisogna acquistare quelli professionali, di qualità e certificati- prosegue Magi- Poi vanno settati, monitorati e manutenuti così come qualsiasi strumento elettronico. Penso alle apparecchiature radiologiche, che devono essere tarate su fantocci perché non funzionano sempre nello stesso modo, o agli autovelox, che dopo un po’ si starano”.

I termometri digitali a infrarossi devono essere settati “anche in base alla temperatura esterna, perché possono subire delle alterazioni legate a questo”, aggiunge ancora Magi, che poi racconta: “Questa estate sono andato in una università perché facevo parte della commissione per la discussione delle tesi; venivo dal caldo esterno e quando sono arrivato avevo 38,9. Mi sono fermato per qualche istante all’interno dei locali e improvvisamente sono tornato alla temperatura normale. Purtroppo questi termometri sono soggetti anche alla temperatura dell’ambiente esterno”.

Saranno intanto i genitori, ogni mattina, a dover misurare la temperatura ai figli prima di accompagnarli a scuola. “Se misuro la temperatura e il bambino ha 36, 36,5 o 37 e magari inizia a tossire- dice Magi- cosa si deve fare? Entra a scuola? Non entra? Andrà in panico la famiglia e di conseguenza la scuola… Il problema allora sarà screenare bene e fare attenzione ad altri eventuali segnali. Una cosa è certa: dobbiamo imparare a convivere con queste situazioni, non possiamo raggiungere la perfezione ma ci dobbiamo avvicinare il più possibile”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»