Governo, da Rousseau via libera a Conte bis: il 79,3% ha detto sì. Di Maio: “Un plebiscito”

Gli iscritti al Movimento 5 stelle hanno detto sì all’accordo per un Governo Conte bis nato dall’inedita alleanza con il Partito Democratico
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Via libera al governo Conte bis dagli iscritti del Movimento cinque stelle che oggi hanno votato sulla piattaforma Rousseau.

Sulla piattaforma Rousseau gli iscritti al Movimento 5 stelle hanno detto sì all’accordo per un Governo Conte bis nato dall’inedita alleanza con il Partito Democratico. 

I RISULTATI DELLE VOTAZIONI SU ROUSSEAU

Alle ore 18 di oggi martedì 3 settembre, si è chiusa la votazione su Rousseau per decidere se il MoVimento 5 Stelle debba far partire un Governo, insieme al Partito Democratico, presieduto da Giuseppe Conte.

Di seguito gli esiti delle votazioni certificati dal Notaio che ha assistito alle procedure di voto e ne ha garantito la regolarità:

SI – 63.146 voti (79,3%)
NO – 16.488 voti (20,7%)

Nel corso di questa votazione si è segnato un nuovo record nella storia di Rousseau (il precedente di maggio 2019 era di 56.127 votanti). Dalle 9 alle 18 hanno infatti espresso la propria preferenza 79.634 iscritti, su una base di aventi diritto che, alla mezzanotte del 2 settembre 2019, ha raggiunto il numero di 117.194 iscritti.

Ecco il quesito proposto: “Sei d’accordo che il MoVimento 5 Stelle faccia partire un Governo, insieme al Partito Democratico, presieduto da Giuseppe Conte?

A disposizione degli iscritti anche una bozza del programma di Governo a cui Giuseppe Conte sta lavorando. La potete consultare cliccando qui.

DI MAIO: UN PLEBISICITO, M5S SARÀ FORZA MAGGIORITARIA

“La stragrande maggioranza ha votato sì per la nascita di un governo sostenuto da una coalizione dove il M5S sarà la forza maggioritaria. È stato un voto plebiscitario”. Lo dice Luigi Di Maio, durante una conferenza stampa.

“I venti punti su cui ho alzato la voce qualche giorno fa sono entrati tutti nel programma. Il taglio di 345 parlamentari deve entrare nella prima seduta utile”, aggiunge.

“Il programma di governo è terminato. Ora siamo all’ultimo miglio, si passa alla formazione della squadra che deve lavorare per migliorare la vita degli italiani”, conclude.

ZINGARETTI: ORA ANDIAMO A CAMBIARE L’ITALIA

“Con la chiusura del lavoro programmatico si è fatto un altro passo avanti per un Governo di svolta. Ridurrre le tasse sul lavoro, sviluppo economico, green economy, rilancio di scuola, università e ricerca, modifica radicale dei decreti sicurezza. Ora andiamo a cambiare l’Italia”. Lo scrive su facebook Nicola Zingaretti, segretario Pd.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»