Matera 2019, il 6 settembre inaugurazione mostra di Armin Linke

Alle 18 al museo archeologico nazionale Domenico Ridola
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Sara’ inaugurata il 6 settembre alle 18, al Museo archeologico nazionale Domenico Ridola di Matera, la mostra ‘Blind Sensorium. Il Paradosso dell’Antropocene’ del fotografo e filmmaker Armin Linke.

In collaborazione con Giulia Bruno e Giuseppe Ielasi, a cura di Anselm Franke e Armin Linke, la mostra e’ stata commissionata e prodotta dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019 nell’ambito del programma Matera capitale europea della cultura 2019 in coproduzione con il Polo Museale della Basilicata e il Museo archeologico nazionale Domenico Ridola.

‘Blind Sensorium. Il Paradosso dell’Antropocene’ e’ il coronamento di dieci anni di indagine artistica di Linke e dei suoi collaboratori sulle forze che modificano il volto della Terra. Armin Linke ha seguito scienziati, politici e attivisti, interrogando la relazione spesso paradossale che intercorre tra scienza, economia e istituzioni politiche nell’epoca del cambiamento climatico.

All’inaugurazione della mostra saranno presenti l’artista Armin Linke, il curatore Anselm Franke, la direttrice del Polo Museale della Basilicata, Marta Ragozzino, la manager sviluppo e relazioni della Fondazione Matera-Basilicata 2019, Rossella Tarantino. Alle 17 il curatore Anselm Franke fara’ un’introduzione della mostra.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»