Fegato curato coi robot, Modena è da primato europeo

Realizzato intervento con una complessa tecnica di epatectomia in due tempi, svolta tramite due interventi chirurgici
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

MODENA – Primato europeo per Modena nella resezione robotica del fegato. Per la prima volta, infatti, viene messa in campo una tecnica innovativa di epatectomia in due tempi all’insegna, questa è la novità, di un approccio completamente robotico. La nuova tecnica è stata applicata con successo all’Ospedale di Baggiovara dall’equipe del professor Fabrizio Di Benedetto, direttore della chirurgia epato-bilio-pancreatica e dei trapianti di fegato dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Modena, col supporto anestesiologico dell’equipe di anestesia e rianimazione dell’ospedale, diretta dalla dottoressa Elisabetta Bertellini, e del personale del blocco operatorio.

Si tratta del primo caso riportato in Europa di una complessa tecnica di epatectomia in due tempi, chiamata Alpps (Associating Liver Partition and Portal vein ligation for Staged hepatectomy, “associazione di partizione epatica e legatura portale per epatectomia in due tempi”) e segnata dall’approccio robotico per epatocarcinoma con trombosi portale.

Il paziente, un 38enne, sta bene ed è stato dimesso alla terza giornata dal secondo intervento in ottime condizioni generali, riferisce l’ospedale.

“L’Alpps- spiega Di Benedetto- è una complessa tecnica di epatectomia in due tempi, svolta tramite due interventi chirurgici, che viene adottata quando il paziente necessita di una resezione epatica maggiore ma non ha un volume residuo di fegato sufficiente per far fronte alle necessità dell’organismo”. Passati otto giorni, continua il professore, “il nostro paziente ha avuto un incremento di quasi il 100% del volume residuo; quindi, abbiamo potuto completare l’intervento con il secondo tempo, ovvero l’asportazione definitiva dell’emifegato interessato dalla malattia”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»