Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Al via il Forum per la cooperazione Cina-Africa

Aiuti, investimenti e prestiti ai Paesi africani per 60 miliardi di dollari sono stati annunciati oggi a Pechino dal presidente Xi Jinping
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Aiuti, investimenti e prestiti ai Paesi africani per 60 miliardi di dollari sono stati annunciati oggi a Pechino dal presidente Xi Jinping, in occasione dell’apertura del Forum per la cooperazione Cina-Africa (Focac). L’annuncio e’ giunto di fronte alle delegazioni e ai dirigenti di ben 53 Paesi africani, nella sessione inaugurale di una due giorni di lavori destinata a rilanciare gli impegni di collaborazione assunti nelle prime due edizioni, nel 2012 e nel 2015. L’appuntamento di Pechino appare destinato a confermare l’influenza e il ruolo della Cina a sud del Sahara, non solo come acquirente di materie prime ma anche come investitore e finanziatore.

A oggi le imprese cinesi in Africa sono circa 10mila. Come rilevato di recente dal Fondo monetario internazionale e dalla Banca mondiale, poi, negli ultimi cinque anni il debito dei Paesi africani e’ raddoppiato. Se nel complesso la Cina ha in mano il 14 per cento del debito africano, in Paesi come il Camerun si arriva al 70 per cento. L’edizione del Forum, al quale partecipano anche 26 organizzazioni internazionali, e’ intitolata ‘Destino comune e partenariato reciprocamente vantaggioso’.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»