Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Pd, Renzi: “Non mi candido alle primarie, ho già dato”

Lo dice Matteo Renzi intervistato a 'Stasera Italia' su Rete 4.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Alle primarie del Pd “Io non parteciperò, mi sembra di aver già dato due volte: ho vinto due volte e due volte mi hanno fatto la guerra”. Lo dice Matteo Renzi intervistato a ‘Stasera Italia’ su Rete 4.

Non so se voterò Zingaretti

“Vedremo quali saranno i candidati. Per come conosco il Pd penso che ci sarà più di un candidato e non è detto che sia Zingaretti quello che voterò io”, dice Renzi. Voterebbe Carlo Calenda? “Non mi fate fare toto-nomi”, risponde.

Chi vince avrà l’appoggio di tutti

Sulle alleanze del Pd alle prossime elezioni ”decideranno le primarie”. Chi vince le primarie- aggiunge- il giorno dopo deve avere l’appoggio di tutti. Il fuoco amico è quello che ha fatto fallire il Pd. Io voglio fare una battaglia colpo su colpo casa su casa. Sarà una battaglia educativa, fatta anche scuola per scuola”.

Il problema dell’Italia? I due populisti…

“Il problema dell’Italia non è la sinistra, il problema dell’Italia è che abbiamo un Paese dove ci sono due componenti di populisti che vanno d’accordissimo. Matteo Salvini e Luigi Di Maio sono due cuori e una capanna, Dio li fa e poi li accoppia. Fanno finta di litigare e poi vanno d’accordissimo”, conclude Renzi.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»