Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Stupri Rimini, ecco le immagini dei quattro ripresi dalle telecamere dopo la prima violenza/VIDEO

Sul suo profilo Twitter, la Polizia di Stato ha diffuso le immagini delle #telecamere che quella notte hanno ripreso i quattro del branco allontanarsi dopo lo stupro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Ora che sono stati arrestati, la Polizia ha deciso di diffondere tutte le immagini delle telecamere che ritraevano i quattro uomini camminare sul lungomare di Miramare di Rimini dopo lo stupro della ragazza polacca sulla spiaggia all’altezza del bagno 130. Ieri mattina era stato diffuso solo un fotogramma, in cui si vedevano tre persone riprese di spalle (due con cappellino e uno con una felpa con cappuccio). Ora, sul proprio profilo Twitter, la Polizia ha pubblicato il video con le immagini dei quattro che camminano: i loro volti sono stati oscurati, ma guardando il video si vede che gli aggressori, nel corso della loro camminata, sono stati ripresi anche in modo molto ravvicinato e quindi gli investigatori avevano in mano immagini molto nitide delle loro figure e anche del loro viso.

LEGGI ANCHE: Stupri Rimini, arrestato anche il quarto uomo: è l’unico maggiorenne. L’odio si scatena su Fb/VD

Grazie a queste immagini (che erano state riconosciute dalle vittime, in primis la trans peruviana che non aveva il minimo dubbio), il cerchio investigativo si era già stretto intorno ai colpevoli delle brutali violenze, tanto che il telefono dell’arrestato maggiorenne- arrestato questa mattina in stazione a Rimini mentre era in fuga in direzione Milano-  era sotto intercettazione. Poi ieri pomeriggio la svolta, quando i due fratelli minorenni si sono costituiti presentandosi alla caserma dei Carabinieri di Montecchio, nel pesarese.


I RILIEVI DELLA SCIENTIFICA

Ieri la Polizia ha diffuso anche le fotografie dei rilievi compiuti sul luogo della stupro della prostituta trans peruviana, la seconda delle aggressioni del branco in quella notte di violenze.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»