VIDEO | Cile, opposizioni a Pinera: “Riprenda dialogo con i detenuti mapuche”

Chiedono al governo di liberare detenuti indigeni in sciopero della fame, ritenuti prigionieri politici, tra i quali il "machi", o sciamano, Celestino Cordova
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Condanna per gli atti di “violenza e razzismo” contro esponenti del popolo originario mapuche e un invito a “riprendere il dialogo” con i detenuti in sciopero della fame. Questi i punti salienti di una dichiarazione congiunta di deputati e senatori dell’opposizione cilena, che hanno cosi’ preso posizione contro gli attacchi ritenuti razzisti ai danni di gruppi di attivisti nativi avvenuti questo fine settimana in alcuni comuni della regione di Araucania, nel centro-sud del Paese. Nella dichiarazione, che vede tra i firmatari la presidente del Senato Adriana Munoz e i presidenti delle Commissione per i diritti umani sia del Senato che del Parlamento, si invita il governo del presidente Sebastiano Pinera a rispettare la Costituzione cilena, che stabilisce il rispetto di tutti i gruppi sociali e delle minoranze. Nel documento si esorta inoltre l’esecutivo a non ignorare il principio di “non discriminazione e uguaglianza davanti alla legge”, considerati fondamentali per il rispetto dei diritti umani.

Nel fine settimana alcuni gruppi di cittadini hanno attaccato degli edifici comunali occupati da attivisti nativi facendo pressione sulle forze dell’ordine affinche’ li sgomberassero. I Mapuche chiedono al governo di liberare detenuti indigeni in sciopero della fame, ritenuti prigionieri politici, tra i quali il “machi”, o sciamano, Celestino Cordova. Al centro delle polemiche anche l’intervento del ministro degli Interni, Victor Perez, che si e’ recato nel fine settimana nei luoghi al centro delle tensioni e ha affermato che in Cile “non ci sono persone detenute per motivi politici”. Il ministro e’ stato accusato dal Frente Amplio (Fa), principale formazione cilena di opposizione, di aver “provocato e distrutto ogni possibilita’ di risoluzione pacifica” del conflitto.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»