L’Aquila brucia ancora, 5 canadair provano a contenere le fiamme

Le condizioni meteo sono sfavorevoli: fa molto caldo. Si prova a fermare la propagazione delle fiamme sul fronte est
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PESCARA – Dalle 5 di questa mattina sono riprese le operazioni di contenimento e spegnimento degli incendi che si sono sviluppati all’Aquila, tra Arischia e Monte Pettino. Sono impegnate diverse squadre di volontari della Protezione Civile e militari del 9° Reggimento Alpini, che sono partite dalla cresta del Monte Pettino per realizzare una nuova linea tagliafuoco con l’obiettivo di evitare che le fiamme si propaghino in direzione Est. Le condizioni meteorologiche continuano ad essere sfavorevoli allo spegnimento con alte temperature e venti in rinforzo. Sui roghi sono impegnati 60 volontari della Protezione Civile, 75 vigili del fuoco, 30 militari del 9°Reggimento Alpini, 5 Canadair e 2 elicotteri. Sono presenti sul posto il responsabile della Protezione Civile Regionale, Silvio Liberatore, il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, il questore dell’Aquila, Gennaro Capoluogo, il Prefetto Cinzia Torraco e il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, che ha sorvolato la zona per verificare la numerosa presenza di focolai.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»