VIDEO | A due anni dalla tragedia del Morandi oggi l’inaugurazione del nuovo ponte San Giorgio a Genova

La cerimonia di inaugurazione si terrà questa sera alle 18.30 col Presidente Mattarella
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

GENOVA – Verrà inaugurato oggi alle 18.30 il nuovo ponte Genova San Giorgio, ricostruito dopo il crollo del ponte Morandi il 14 agosto 2018, in cui morirono 43 persone.

All’inaugurazione sarà presente il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: la sua auto sarà ufficialmente la prima a percorrere il nuovo viadotto autostradale sul Polcevera.

LEGGI ANCHE: Genova, Toti: “Primo pensiero alle 43 vittime, oggi non sarà festa”

Il nuovo viadotto, disegnato da Renzo Piano a forma di nave e messo insieme da Fincantieri e Salini Impregilo, con la guida del Rina, torna a unire le autostrade del nodo di Genova.

LEGGI ANCHE: VIDEO | FOTO | A Genova i primi passi sul nuovo ponte in attesa dell’inaugurazione

La Polizia di Stato, in occasione dell’inaugurazione del nuovo ponte, ha realizzato un video per ricordare le 43 vittime del crollo del ponte Morandi.

LEGGI ANCHE: Genova, il nuovo ponte ‘passa’ il collaudo statico

FURLAN (CISL): NUOVO PONTE IN RICORDO 43 VITTIME, NON SARÀ FESTA

“Non sarà una festa l’importante inaugurazione del nuovo ponte Genova San Giorgio nel ricordo delle 43 vite spezzate due anni fa per l’incuria dell’uomo”, ha scritto ieri su Twitter la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan. “Ma grazie al lavoro straordinario di centinai di operai edili- ha proseguito Furlan- oggi Genova guarda al futuro con speranza e più fiducia. Un modello per il paese”.

Qui sotto il video in timelapse, realizzato da Rina, che racconta la demolizione e la ricostruzione del ponte di Genova.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»