Bibbiano, Fratelli d’Italia contro i 5 Stelle: “Inciucia con il Pd”

Fratelli d'Italia va all'attacco dei 5 stelle, accusati di fare "da stampella" al Pd, in un "vergognoso inciucio"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Il giorno dopo la rottura in commissione d’indagine sugli affidi in val d’Enza, Fratelli d’Italia va all’attacco dei 5 stelle, accusati di fare “da stampella” al Pd, in un “vergognoso inciucio”. A sparare a zero è Tommaso Foti, vicecapogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, già consigliere regionale all’inizio della legislatura.

LEGGI ANCHE: Bibbiano, in commissione d’inchiesta è subito scontro

“Che il Pd sia alla ricerca di nuovi alleati in vista della imminente sconfitta alle elezioni regionali della Emilia-Romagna e’ cosa nota. Meno scontato- scrive Foti in una nota- che i 5 stelle, dopo avere sostenuto di recente la sinistra legge sulla omotransnegatività, facessero nuovamente da stampella alla sinistra con supporti da codice rosso. Dopo quanto è successo a Bibbiano, con bambini strappati alle famiglie d’origine per assurde decisioni imposte dagli assistenti sociali, tutto si poteva infatti prevedere meno che il determinante appoggio dei 5 stelle ad un esponente del Pd (Giuseppe Boschini, ndr) per la presidenza della commissione d’inchiesta istituita su quei fatti, su richiesta del centrodestra, Fratelli d’Italia in testa”.

“Con buona pace di quanto accaduto agli ‘Angeli’ (i bambini) si realizzano dunque in Emilia-Romagna ‘Demoni’ convergenze tra Pd e 5 stelle. In ambito politico, ma non solo. Infatti, il candidato sindaco dei 5 stelle a Reggio Emilia non solo è difensore della principale indagata di Bibbiano (Rossella Ognibene si è dimessa dal Consiglio comunale dopo aver accettato la difesa di Federica Anghinolfi, ndr), ma condivide lo studio legale con un secondo indagato, membro del direttivo provinciale del Pd. Solo causalità?”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»