Diritti, il Circolo Mario Mieli candida Roma per il World Pride 2025

"Il World Pride del 2000 ha rappresentato uno spartiacque nella storia del movimento lgbtqi italiano e mondiale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Il Circolo di cultura omosessuale ‘Mario Mieli’, storica associazione lgbtqi italiana, ha presentato la candidatura per tenere il World Pride del 2025 a Roma. “Si tratta di una sfida emozionante- dice Mario Colamarino, presidente del Circolo- che assumiamo con la precisa volontà di dare il nostro contributo per indicare un orizzonte al movimento lgbtqi italiano”.

L’Associazione, organizzatrice dei più grandi eventi lgbtqi degli ultimi anni (World Pride del 2000 – Pride nazionale del 2007 – Europride del 2011, con la partecipazione di Lady Gaga al Circo Massimo), ha dunque scelto il 2025 per riportare il ‘World Pride’ in Italia proprio per celebrare il venticinquesimo anniversario del primo World Pride della storia che si tenne proprio nella Città Eterna nel 2000.

Il World Pride del 2000 ha rappresentato uno spartiacque nella storia del movimento lgbtqi italiano e mondiale– prosegue Colamarino- e vogliamo che il 2025 possa diventare un’altra tappa storica nel cammino della nostra comunità. Un evento di tale portata rappresenterebbe inoltre un’occasione importantissima per la città di Roma grazie al turismo e all’indotto che porterebbe all’economia cittadina”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»