Femminicidio, Grasso: “Squallidi criminali e schifosi assassini”

Nelle ultime 24 ore due donne sono state uccise dai loro compagni. Una a Lucca, bruciata viva, l'altra nel casertano, accoltellata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

grasso1ROMA  – Nelle ultime 24 ore due donne sono state uccise dai loro compagni. Una a  Lucca, bruciata viva, l’altra nel casertano, accoltellata. Pietro Grasso, presidente del Senato, esprime tutto il suo sdegno. E lancia un monito: mai più usate termini assolutori e giustificatori  come raptus, gelosia, disagio, rifiuto.  “Sono solo squallidi criminali e schifosi assassini”.

“Ieri Caserta, oggi Lucca: negli ultimi mesi ci sono stati decine di casi come questi, donne vittime della violenza di compagni o ex. Da uomo fatico a spiegarmi cosa possa spingere ad usare una tale brutalità, a covare così tanto odio nascondendosi dietro presunti sentimenti quali l’amore, il dolore per una storia che finisce, la disperazione. Niente di tutto questo: spero che non si usino più, raccontando queste storie, termini ambigui e giustificatori come raptus, gelosia, disagio, rifiuto. Sono solo squallidi criminali e schifosi assassini”.

.”C’è un grande lavoro da fare, tutti insieme, per sradicare i resti di una cultura maschilista e possessiva che ancora permea la nostra società- dice Grasso- stare insieme è una sfida quotidiana: uomini e donne non si appartengono, si scelgono ogni giorno. Liberamente”.

LEGGI ANCHE

Femminicidio, Boschi: “Ancora due vite spezzate. Sono vicina alle famiglie”

Omicidio Magliana, l’ex fidanzato ha confessato VIDEO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»