Ripartono le lezioni di Happy Hour 24 della 24ORE Business School in versione Summer Edition

Le lezioni, sempre gratuite e si svolgono due volte alla settimana, il martedì e il giovedì dalle 18.00 alle 19.00
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Torna Happy Hour 24, il format promosso da 24ORE Business School, che cambia veste e presenta la sua Summer Edition.

L’iniziativa, che nella sua prima edizione ha visto la partecipazione di oltre 17.000 persone a 47 webinar, viene proposto per i mesi estivi con nuove modalità e con un’offerta formativa rinnovata.

Le lezioni, sempre gratuite, si svolgono due volte alla settimana, il martedì e il giovedì dalle 18.00 alle 19.00. Gli incontri vedono alternarsi lezioni frontali tradizionali ad altre che prevedono la presenza di più relatori insieme per un approccio più orientato al dibattito e alla discussione. Per il pubblico si confermano momenti durante i quali docenti e relatori porteranno in aula le proprie esperienze professionali nei diversi settori di competenza.

Tra i primi webinar un approfondimento sulle opportunità che arrivano dal digitale per accelerare nuove forme di business e di entertainment nel mondo dello sport che risente di quanto sta succedendo in questo periodo di lockdown in maniera uguale se non addirittura superiore rispetto agli altri comparti. Il digitale può venire in soccorso allo sport system per mantenere la relazione con le comunità di riferimento (fan, associati, tifosi, etc.), per restare in forma e permettere l’attività fisica (virtualisation) e per permettere il puro divertimento online (gamification).

L’expertise di Matteo Flora, Founder & Board Director The Fool e di Giuseppe Mayer, Managing Partner @Antifragile analizzeranno le nuove tendenze che nascono all’interno del mercato che, in tempi di grande incertezza come quelli che stiamo vivendo, è fondamentale saper individuare.

I due relatori spiegheranno come diventare rilevanti e affidabili in un mercato in profonda trasformazione, processo che necessita lo studio dei dati utili a comprendere come viene percepito un brand dai consumatori.

Durante le lezioni si approfondiranno pratiche in continua crescita e sempre più di tendenza quali il brand journalism, insieme di strategie di marketing e tecniche giornalistiche utili alle aziende per raccontarsi attraverso contenuti di valore, il wellbeing e la mindfulness, pratiche spesso utilizzate dalle risorse umane per aiutare i dipendenti a conoscere il modo in cui il corpo e la mente agiscono, aumentare l’equilibrio interiore e gestire momenti di forte stress.

Il palinsesto, in costante aggiornamento, prevede anche l’intervento di esperti per analizzare gli effetti che il Covid-19 ha avuto sia in ambito giuridico e commerciale, sia nel settore della supply chain che necessita di un nuovo modello sempre più digitale, equilibrato e flessibile.

“A seguito della grande successo riscontrato con la prima edizione abbiamo deciso di dare il via a Happy Hour 24 – Summer Edition con l’obiettivo di rendere continuativa la proposta di un percorso di formazione gratuito che possa aiutare concretamente le aziende e i professionisti a capire quali sono le migliori tecniche e pratiche da utilizzare per questa ripartenza, attraverso l’expertise di professionisti, consulenti e docenti. Un’iniziativa che vuole mettersi al servizio del nostro Paese per sostenere una continua crescita economica che sia sempre più performante e competitiva”, commenta Andrea Tessera, Chief Marketing Officer 24ORE Business School.

È possibile iscriversi alle lezioni visitando la sezione del sito di 24ORE Business School dedicata a Happy Hour 24 (https://www.24orebs.com/happy-hour-24) dove sarà possibile anche consultare gratuitamente l’intero catalogo dei webinar della prima edizione che verranno progressivamente caricati online.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»