Colombia, ex parco guerriglieri Farc diventa patrimonio Unesco

E' il parco nazionale più grande della Colombia, il Chiribiquete, tra Foresta amazzonica e catena delle Ande
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ stato promosso a sito patrimonio dell’Unesco il parco nazionale più grande della Colombia, il Chiribiquete, tra Foresta amazzonica e catena delle Ande. Con una superficie di tre milioni di ettari, negli ultimi mesi il parco è stato oggetto di grande attenzione da parte delle autorità: un tempo controllato dai miliziani delle Farc, dopo l’accordo di pace con Bogotà è stato riqualificato e ora accoglie studiosi e ricercatori nell’ambito del piano ‘Colombia Bio Apaporis 2018’, volto a incrementare gli studi sull’incredibile varietà di flora e fauna che accoglie. 

Le sue formazioni rocciose sono celebri in tutto il mondo

Anche le sue formazioni rocciose sono celebri in tutto il mondo e a loro volta sono state oggetto di interventi da parte del governo. Nel parco vivono poi diverse comunità indigene. La decisione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura è stata accolta con entusiasmo dal presidente uscente Juan Manuel Santos, che si era recato personalmente a febbraio Chiribiquete per presentare tre nuove specie di piante scoperte dalla spedizione ‘Bio Apaporis’. 

Il comitato Unesco ha promosso a Patrimonio universale dell’umanità anche altre tre località: il parco archeologico di Gobekli Tepe in Turchia, la cattedrale romanico-gotica dei santi Pietro e Paolo di Naumburg, in Germania, e la foresta di Pimachiowin Aki, in Canada.

Ti potrebbe interessare:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»