I romani a Virginia Raggi: “Intitoliamo la Tangenziale a Paolo Villaggio”

La mitica scena della sveglia alle 7.51, per arrivare in tempo sul posto di lavoro per timbrare il cartellino, è da sempre un cult
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La mitica scena della sveglia alle 7.51, per arrivare in tempo sul posto di lavoro per timbrare il cartellino, è da sempre un cult.

Nel film ‘Fantozzi’ del 1975 il ragionier Ugo cerca di guadagnare tempo lanciandosi dal balcone per non perdere l’autobus (“Non l’ho mai fatto- dice nel film alla moglie Pina- Ma l’ho sempre sognato”): la scena è girata sulla tangenziale Est, tratto appena costruito e per questo non ancora transitato, all’altezza della via Casilina, a Roma.

Alla notizia della scomparsa di Paolo Villaggio, deceduto a 84 anni, sul web è partita una petizione online per chiedere alla sindaca Virginia Raggi di intitolare quel tratto di strada proprio all’attore genovese.

“Gentile sindaco Raggi- si legge su Change.org- credo sia cosa gentile intitolare la tangenziale di Roma Est alla memoria di Paolo Villaggio, scomparso oggi 3 luglio 2017. Tutti noi cittadini di Roma non possiamo non pensare alla scena che rese celebre quel tratto di strada percorso da migliaia di noi. Grazie”. Alle 14.45 sono già 651 le firme raccolte.

La petizione è qui

LEGGI ANCHE

E’ morto Paolo Villaggio, la figlia: “Ora sei di nuovo libero di volare”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»