Vaccini, a Forlì una fiaccolata per chiederne di più sicuri. E test pre-vaccino

La fiaccolata è in programma per mercoledì sera ed è organizzata dal comitato "Libero x tutti" di Forlì
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FORLI’ – Una fiaccolata per la libertà di scelta. Mentre prosegue l’iter in Senato del disegno di legge per l’obbligatorietà per 12 vaccini ai bambini e ai ragazzi dagli 0 ai 16 anni, il comitato “Libero x tutti” di Forlì organizza per mercoledì 5 luglio una fiaccolata a favore della libera autodeterminazione dell’individuo in materia di salute. Con l’invito a evitare l’appellativo “no-vax”, nel quale, sottolineano dal comitato, “non ci riconosciamo e che è contraddetta dai toni che usiamo, dalle argomentazioni che portiamo e dal materiale che distribuiamo”. Dunque, dopo tante altre città in tutta Italia che hanno visto scendere in piazza migliaia di cittadini “indignati” per la presa di posizione del governo italiano che “intende togliere ai genitori la possibilità di scegliere per i propri figli se, come e quando ricorrere alla pratica vaccinale”, e in attesa della grande manifestazione nazionale prevista a Pesaro per l’8 luglio, anche il centro di Forlì verrà illuminato dalle fiaccole di “coloro che chiedono a gran voce la libertà di scelta”.

E in particolare di poter accedere ad un piano vaccinale personalizzato; di poter disporre di vaccini monovalenti, di poter eseguire test pre-vaccinali, in modo da poter individuare patologie o problematiche non ancora scoperte nei neonati che vengono sottoposti alle iniezioni. Ancora: che siano messi a punto vaccini più sicuri; che l’informazione su questi temi sia più trasparente e indipendente da logiche di mercato; che la farmacovigilanza venga finalmente fatta in maniera più seria e precisa. Il ritrovo per mercoledì sera è previsto in piazza della Vittoria per le 20. La fiaccolata partirà indicativamente alle 21 e si concluderà in piazza Saffi davanti a S.Mercuriale, dove prenderanno la parola alcuni danneggiati da vaccino.

di Cristiano Somaschini, giornalista professionista


INTERVIENE BURIONI: NON ESISTONO TEST PRE-VACCINO

“Qualcuno gli comunichi che i test prevaccino non esistono”. Così Roberto Burioni, il virologo divenuto ormai famoso per la sua campagna a favore dei vaccini, interviene su Twitter a commentare la notizia di questa ennesima manifestazione a favore della “libertà di scelta”. Appena la notizia è stata twittata, arriva immediata la replica del medico Burioni, che smentisce l’esistenza di test prevaccino.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»