Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

E’ morto Paolo Villaggio, la figlia: “Ora sei di nuovo libero di volare”

Malato di diabete, era ricoverato da giorni in una struttura della Capitale perché le sue condizioni si erano aggravate. Aveva 84 anni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ morto a Roma a 84 anni Paolo Villaggio. Ne ha dato notizia la figlia Elisabetta su Facebook dove ha postato una foto del padre da giovane accompagnata da questa frase: “Ciao papa’ ora sei di nuovo libero di volare”.

Malato di diabete, era ricoverato da giorni in una struttura della Capitale perché le sue condizioni si erano aggravate.

Nato a Genova il 30 dicembre 1932, Paolo Villaggio è stato per decenni il simbolo della comicità italiana. Incarnando il ragionier Ugo Fantozzi, “il prototipo del tapino, ovvero la quintessenza della nullità” (come lui stesso definì il personaggio), è entrato nel cuore di intere generazioni. Proprio qualche giorni fa, a  Bologna, in occasione della proiezione in piazza Maggiore de ‘La corazza Potemkin’, era stata lanciata l’idea di riproporre la scena della scalinata, proprio “come il ragionier Fantozzi e colleghi”  ne ‘Il secondo tragico Fantozzi’.

https://www.youtube.com/watch?v=f_1UoOPFxfY

LEGGI ANCHE A Bologna Potemkin-mania: “Remake su scale San Petronio. Ci state?”

Paolo Villaggio non era solo Fantozzi. Aveva recitato con Federico Fellini, Ermanno Olmi e Mario Monicelli e ottenuto numerosi riconoscimenti. Nel 1990, il David di Donatello per il miglior attore protagonista per La voce della Luna, di Federico Fellini; nel 1992 Leone d’Oro alla carriera al Festival del cinema di Venezia; nel 1994 Nastro d’argento al migliore attore protagonista per Il segreto del bosco vecchio, di Ermanno Olmi, nel 2000 Pardo d’onore alla carriera al Festival internazionale del film di Locarno e nel 2009 il David di Donatello alla carriera.

https://www.youtube.com/watch?v=Bg1n7X0ypzw

Paolo Villaggio ha anche firmato due canzoni molto amate di Fabrizio De André, ‘Il Fannullone’ e ‘Carlo Martello ritorna dalla battaglia di  Poitiers’.  

La scelta dell’ambientazione medioevale fu tutta farina del mio sacco- raccontava Villaggio a proposito di quest’ultima canzone-; Fabrizio ci mise solo la musica. Cioè avvenne il contrario, lui aveva già la musica ed io ci misi le parole […] In una settimana scrissi le parole di questa presa in giro del povero Carlo Martello”.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»