Sardegna, i 55 milioni per il sassarese solleva polemiche: “E’ uno smacco per Nuoro”

"L'Assessore alla programmazione Raffaele Paci continua le sue
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

luigi crisponi“L’Assessore alla programmazione Raffaele Paci continua le sue visite istituzionali portandosi appresso la cassaforte della Regione, ma aprendola solo in occasione delle fermate a Cagliari e Sassari”. Così il consigliere dei Riformatori sardi Luigi Crisponi, dopo il tavolo di oggi tra Paci e i sindaci di Sassari, Alghero, Porto Torres, Castelsardo, Sennori, Sorso e Stintino, durante il quale il vicepresidente della Regione ha confermato ai primi cittadini la disponibilità di 55 milioni dal Piano Infrastrutture per l’area urbana sassarese.

“È un vero e proprio smacco per la città di Nuoro e anche per l’area vasta di un territorio che ha tutti i titoli e  diritti per ricevere parte dei sostanziosi finanziamenti che Paci sta generosamente dispensando- continua Crisponi- se i 55 milioni destinati per le infrastrutture, trasporti e servizi alle imprese annunciati oggi per il Sassarese ‘sono la giusta risposta finanziaria alle esigenze di quei territori’, ricordiamo all’Assessore alla programmazione che il Nuorese merita identica attenzione nella messa a disposizione delle risorse regionali e l’immediato coinvolgimento nelle scelte progettuali e di indirizzo strategico”.

di Andrea Piana – Giornalista Professionista corrispondente dalla Sardegna

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»