“Il cinema motore di sviluppo”, dalla Regione più di un milione di euro

BOLOGNA - Il cinema è un "fattore strategico per lo sviluppo economico", e la Regione Emilia-Romagna ha deciso
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Il cinema è un “fattore strategico per lo sviluppo economico”, e la Regione Emilia-Romagna ha deciso di sostenerlo con 1.160.000 euro.

A tanto ammonta, infatti, il finanziamento per i due bandi regionali, pubblicati mercoledì e che scadranno il 26 agosto, rivolti sia alle case di produzione emiliano-romagnole sia a quelle nazionali e internazionali. I bandi, spiega l’assessore regionale alla Cultura Massimo Mezzetti, “sono interamente finanziati dalla Regione, e serviranno per ‘rodare la macchina’, che speriamo possa decollare definitivamente a febbraio del 2016”, quando, in occasione del Festival del cinema di Berlino, usciranno i nuovi bandi, che “potranno contare anche su finanziamenti europei”.

cinema

Nello specifico, il primo bando mette a disposizione 400.000 euro alle imprese con sede in Emilia-Romagna, a patto che il 30% del costo delle opere sia sostenuto sul territorio regionale e che le riprese inizino entro il 30 aprile 2016. Le agevolazioni variano a seconda del genere (lungometraggio, documentario, cortometraggio, serie web, fiction).

Il secondo bando, rivolto invece alle imprese nazionali e internazionali, è di 760.000 euro. Le condizioni sono quasi identiche, salvo che in questo caso le riprese devono partire prima del 31 gennaio 2016. I progetti saranno valutati da un Comitato composto da un docente di Cinematografia, uno di Economia e management dell’audiovisivo e da un numero non ancora definito di rappresentanti dei quattro assessorati che hanno firmato la legge regionale sul cinema approvata lo scorso anno. A settembre, inoltre, la Film Commission regionale terrà un corso di formazione, inizialmente nei Comuni capoluogo, per insegnare alle amministrazioni come regolarsi al meglio in caso qualcuno volesse girare nel loro territorio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»