Mafia Capitale. Gabrielli: “Oggi tutti censori, ma prima dov’erano?”

ROMA -   "Ho letto tutta la relazione della commissione e c'è tanta di quella roba da fare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –   “Ho letto tutta la relazione della commissione e c’è tanta di quella roba da fare emergere il degrado di questa città. Ma nulla in particolare mi ha sorpreso rispetto a quello che era stato riportato sui giornali”. Così il prefetto di Rona, Franco Gabrielli, a margine di un incontro pubblico in Municipio VI sulla relazione della commissione prefettizia di accesso agli atti a proposito dell’indagine della Procura denominata Mafia Capitale.

F. Gabrielli
F. Gabrielli

“Io sono arrivato qui il 3 aprile del 2015 e non del 2002, dove erano tutti gli altri in questi anni? Il vero aspetto avvilente e amareggiante di questa vicenda e’ che tutti si stanno erigendo a censori, giudici e professori però questa è una città che ha vissuto anni in cui le inchieste giudiziarie hanno dimostrato che tutta questa correttezza non c’era”, ammonisce Gabrielli.

[Prosegue nel notiziario DIRE in abbonamento]

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»